Tennis – Atp Finals 2016

Tennis – Atp Finals 2016

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

ATP FINALS 2016, FINALE MURRAY-DJOKOVIC (RISULTATO FINALE 6-3 6-4): IL NUMERO 1 E’ IL VENTIDUESIMO CAMPIONE DEL MASTER

promo278987796TENNIS MASTER, OGGI 21 NOVEMBRE 2016 – Andy Murray è il ventiduesimo campione delle Atp Finals 2016: il torneo si è giocato per la prima volta nel 1970 e per le prime due stagioni ha previsto soltanto un round robin. Stan Smith fu il primo vincitore; in seguito avrebbe trionfato anche agli Us Open e a Wimbledon. Si aprì subito dopo l’era di Ilie Nastase, tre successi consecutivi e poi un quarto (ma con un mezzo una finale persa); il rumeno è uno dei tre giocatori ad aver vinto almeno tre edizioni consecutive del Master (gli altri sono Ivan Lendl e Novak Djokovic, che come sappiamo ha vinto quattro volte di fila tra il 2012 e il 2015). Un vincitore a sorpresa fu Manuel Orantes, lo spagnolo di Granada che l’anno dopo aver vinto gli Us Open si prese anche il Mater (a Houston) battendo in finale il carneade polacco Wojciech Fibak, uno che negli Slam non riuscì mai ad andare oltre i quarti di finale; a Lisbona 2000, prima edizione del nuovo millennio, trionfò Guga Kuerten e, dopo i due successi di Lleyton Hewitt, iniziò ufficialmente l’epoca “moderna”: Roger Federer si è imposto in sei edizioni nell’arco di nove anni, uniche eccezioni il David Nalbandian del 2005 (contro lo barclays-atp-world-tour-finals-draw-496890260-5645b6bbec4b1svizzero, rimontando da 0-2 in finale), il primo Novak Djokovic (2008) e Nikolaj Davydenko che aveva già giocato la finale l’anno precedente e si impose su Del Potro. La curiosità è legata al fatto che ci sono alcuni giocatori che non sono mai riusciti a vincere il Master: uno di questi è John Newcombe, il primo numero 1 del mondo riconosciuto ufficialmente e capace di vincere, a partire dal 1970, quattro dei suoi sette Slam. L’australiano si fermò due volte consecutive in semifinale; poco meglio ha fatto Rafa Nadal, mai a suo agio su campi indoor e “solo” finalista nel 2010 e nel 2013, battuto rispettivamente da Federer e Djokovic in stagioni nelle quali ha comunque chiuso al primo posto della classifica mondiale.

Share this post